SICUREZZA DI GUIDA

SICUREZZA DI GUIDAsicuerzza dinamica lancia thesis

Un comportamento su strada costante e prevedibile, al punto da perdonare eventuali errori del guidatore e da permettere di superare senza affanni le situazioni critiche, è requisito fondamentale per una buona sicurezza attiva.
In questo campo Lancia Thesis, oltre a un impianto frenante con eccellenti prestazioni, sfodera i più sofisticati dispositivi elettronici per il controllo del comportamento dinamico della vettura: dalla frenata alla trazione.
Quindi:

  • l’ESP per il controllo della stabilità dinamica in curva;
  • l’ASR che limita lo slittamento delle ruote in accelerazione e l’MSR che regola la coppia frenante in scalata;
  • l’ABS completo del correttore di frenata EBD.

L’ammiraglia Lancia, inoltre, presenta per la prima volta nel panorama mondiale un freno a mano automatico: l’EPB (Electric Parking Brake).


SICUREZZA PASSIVA

L’attenzione per tutti gli aspetti legati alla protezione di guidatore e passeggeri è stata parte integrante sicurezza passiva lancia thesisdel processo che ha portato alla definizione della scocca e di tutti gli altri componenti di una vettura: dalla plancia ai sedili, ai sistemi di ritenuta. Nel caso di Lancia Thesis questo lavoro ha dato risultati eccellenti. Basti dire che ha superato i più severi “crash test” e soddisfava già da allora le proposte per la futura normativa europea.
Per garantire questo livello di sicurezza passiva sono stati presi in esame tutti i tipi di possibile incidente: urti frontali, laterali, ribaltamento, tamponamento e incendio. Si sono tenute in considerazione, inoltre, le diverse velocità alle quali possono avvenire gli urti, i differenti tipi di ostacolo e la tutela di occupanti con caratteristiche fisiche anche molto diverse.
Dall’esame approfondito di tutti questi parametri è nato un insieme di soluzioni tecniche che hanno fatto di Lancia Thesis una delle vetture più sicure dell’intero panorama automobilistico, tanto che il modello rappresentava il più avanzato stato dell’arte nel campo dei sistemi di sicurezza passiva.
Una protezione totale, insomma, che iniziava con i dispositivi specificamente dedicati alla sicurezza.


AIRBAG FRONTALI

Protezione completa, protezione intelligente. A cominciare dai due airbag frontali per guidatore (di circa 55 litri) e passeggero anteriore (di circa 105 litri), che funzionano secondo una logica nuova e diversa rispetto a quella tradizionale. Fino a prima, infatti, quando gli airbag venivano attivati, si espandevano sempre contemporaneamente e fino alla loro dimensione massima, che era quella stabilita per salvaguardare gli occupanti durante gli urti più severi. Lancia Thesis, invece, adotta airbag frontali Multistage: quando l’impatto è di media forza, il sistema apre solo il primo dei due; mentre durante le collisioni più gravi, la centralina comanda l’attivazione di entrambi gli stadi. Questi ultimi, inoltre, possono essere attivati con sequenze diverse secondo il tipo di urto. In ogni caso le briglie all’interno dei palloni salvavita garantiscono che le dimensioni massime e la forma assunta dal cuscino siano le meno invasive possibili per i passeggeri.
L’airbag frontale del passeggero si disattiva manualmente, azionando l’interruttore all’estremità destra della plancia con la chiave di avviamento. In questo modo è possibile trasportare un bambino su un seggiolino posto in senso contrario a quello di marcia (resta, però, attivo il pretensionatore). Un condensatore, infine, svolge la funzione di riserva di energia e garantisce il funzionamento degli airbag anche in mancanza di alimentazione da parte dell’impianto elettrico, quando per esempio l’urto provoca la rottura della batteria o dei cavi di alimentazione.

aibag dinamica lancia thesis

AIRBAG LATERALI

Per proteggere bacino e torace dei passeggeri anche quando viene urtato il fianco della vettura, Lancia Thesis dispone di quattro airbag laterali, di circa 12 litri ciascuno: due anteriori e due posteriori. Sono sistemati all’interno dello schienale dei sedili, una collocazione che assicura la miglior difesa degli occupanti, indipendentemente dalla loro statura, dalla posizione assunta e dalla regolazione del sedile.
Come l’airbag frontale e laterale del passeggero anteriore, anche i sidebag posteriori possono essere disattivati azionando, con la chiave di avviamento, l’interruttore che si trova sotto la mensola della cappelliera sul lato destro del bagagliaio. Questa condizione è segnalata sul quadro dall’accensione di un’apposita spia, diversa da quella per il posto del passeggero anteriore.


AIRBAG FINESTRINI

Di serie su tutte le versioni, sono gli airbag da 21 litri destinati a scendere lungo i finestrini per salvaguardare la testa degli occupanti in caso di collisione laterale. Rispetto ad altre soluzioni, i window-bag adottati da Lancia Thesis sono più protettivi (perché assumono sempre la posizione corretta), più veloci nel gonfiarsi e meno invasivi per i passeggeri. Si aprono, infatti, dall’alto verso il basso e non rischiano, con il loro movimento, di procurare danni secondari alle braccia degli occupanti.
Salvaguardano, inoltre, efficacemente sia il capo dei passeggeri anteriori sia quello di chi siede dietro, perché sono larghi quanto l’intera finestratura, e garantiscono la protezione anche durante i ribaltamenti.
I due cuscini (uno per il lato destro, l’altro per quello sinistro) trovano posto sotto le longherine del tetto, ripiegati in un vano chiuso. Al momento opportuno il rivestimento si piega, permettendo ai bag di gonfiarsi e di scendere verso il basso.


CINTURE DI SICUREZZA E APPOGGIATESTA

Lancia Thesis è dotata di cinture di sicurezza anteriori regolabili in altezza e complete di arrotolatore, pretensionatore e limitatore di carico. In caso d’impatto, il pretensionatore pirotecnico a comando elettronico richiama in pochi millisecondi il nastro, garantendo la perfetta aderenza di quest’ultimo al corpo. All’interno degli arrotolatori anteriori sono collocati i limitatori di carico, che cedono in modo controllato, dosando così la forza esercitata dalla cintura sulle spalle di chi la indossa. Pretensionatori e limitatori di carico sono disponibili anche per le cinture dei passeggeri posteriori laterali.
appoggiateta lancia thesisSono montati, di serie tre appoggiatesta posteriori che garantiscono gli occupanti di Lancia Thesis da eventuali “colpi di frusta”. Tutti gli appoggiatesta sono regolabili in altezza, mentre quelli anteriori sono anche basculanti. Senza contare che quando occorre avere una perfetta visione posteriore, il guidatore può abbassare quelli posteriori con il comando elettrico sistemato sul tunnel centrale.
Regolazioni e forma dei cinque appoggiatesta realizzano, così, le condizioni di maggior efficacia di questi componenti: quando cioè tra la testa della persona e l’appoggiatesta stesso c’è la distanza minima in senso orizzontale e un allineamento in senso verticale.


ATTACCHI ISOFIX

Per incentivare un uso del seggiolino per bambini continuo e corretto, che lancia thesis isofixgarantisca il trasporto in massima sicurezza anche dei più piccoli, Lancia Thesis è stata dotata di attacchi ISOFIX. Questi ultimi sono costituiti da due coppie di staffe (piazzate alla base dello schienale dei sedili posteriori) che permettono d’installare e togliere i seggiolini dei bambini in modo facile e veloce: basta azionare le due serrature a scatto. Senza contare che le staffe hanno dimensioni e distanza stabilite da uno standard europeo ed è perciò possibile riutilizzare il seggiolino su qualunque altra vettura.


FRENI

impianto freni lancia thesisL’impianto frenante è di tipo idraulico servoassistito, costituito da due circuiti indipendenti incrociati. Particolarmente efficace, assicura una frenata pronta e progressiva, oltre che spazi di arresto ridotti: circa 40 metri a 100 km/h.
È anche silenzioso e richiede un carico ridotto sul pedale, che consente di sfruttare appieno le caratteristiche del servofreno, ed ha una forma ergonomica, perché tiene conto della posizione e dello spazio tra i pedali, oltre che degli angoli della caviglia.
Tutte le Lancia Thesis hanno quattro dischi autoventilanti: quelli anteriori hanno un diametro di 305 mm e uno spessore di 28 mm, quelli posteriori misurano rispettivamente 281 e 22 mm.