Vincenzo Lancia

Vincenzo Lancia lancia vincenzo

nasce il 24 agosto 1881 a Fobello (Vercelli). Ultimo di quattro figli di una famiglia facoltosa in cui il padre, il Cavalier Giuseppe Lancia, è un imprenditore che aveva fatto fortuna in Argentina e a Torino per la produzione dei cibi in scatola. Indirizzato dalla famiglia agli studi in giurisprudenza, l’attività scolastica del giovane Vincenzo non fu però brillante, visto che l’allievo non si impegnava come era auspicato dai genitori. Iinizia, invece,  fin da giovane ad appassionarsi al mondo delle automobili.

Alla fine del XIX secolo trova lavoro come ragioniere e meccanico presso Giovanni Battista Ceirano che produceva dapprima biciclette dal nome anglofono Welleyes ed in un secondo tempo realizza il prototipo di una automobile con lo stesso marchio (1899)

L’autovettura suscita un notevole entusiasmo alla presentazione e, al fine di produrla su scala industriale, viene fondata la Fabbrica Italiana Automobili Torino, conosciuta anche con l’acronimo Fiat, che acquisterà la piccola officina di Ceirano.

Vincenzo trova un posto come collaudatore – a soli 18 anni – per la neonata Casa torinese.

vincenzo lanciaLe doti di guida di Vincenzo Lancia emergono immediatamente: nel 1902 – con la vittoria alla Sassi-Superga – porta alla Fiat il primo successo in gara.

Il giovane Lancia fece parte anche della squadra corse di Angelo Mosca, imprenditore tessile biellese appassionato di automobili, uno dei primissimi nella sua città a possederne qualcuna. Una fotografia esposta al museo dell’automobile a Torino li ritrae nel giardino di Villa Mosca a Biella, ad un’esposizione delle proprie vetture.

Il suo carattere di guida è irruente ed incappa spesso in piccoli incidenti dovuti alla troppa esuberanza, pertanto diventa più famoso, nel mondo delle corse, per dei record su un singolo giro della gara che per le vittorie conseguite. La sua carriera automobilistica proseguirà, sempre su vetture Fiat, fino al 1908, cioè per 2 anni ancora dopo la fondazione della sua casa automobilistica, la Lancia.
Nel 1906, a soli 25 anni, Vincenzo fonda – insieme all’amico Claudio Fogolin – la Lancia. La prima vettura costruita da questo marchio – la Alfa del 1907 – mostra già numerose innovazioni tecniche come l’assale anteriore realizzato in acciaio scatolato per risparmiare peso.

Lancia rimase sempre legato anche al mondo delle corse, dando anche pieno appoggio alla costruzione dell’Autodromo Nazionale Monza, pista famosissima in tutto il mondo e che ancora oggi ospita, tra gli altri, il Gran Premio d’Italia di Formula 1, di cui Vincenzo pose la prima pietra nel 1922.

Nel 1930, con gli industriali Gaspare Bona, Battista Farina detto Pinin, Giovanni Battista Devalle, Pietro Monateri, Arrigo De Angeli fondò la carrozzeria Pininfarina.

Morì nel 1937, a 55 anni, vittima di un attacco improvviso di cuore durante la notte del 15 febbraio. Tre anni dopo la morte gli venne intitolato il rifugio omonimo sul Pasubio.

 

fabbrica lancia

Nel periodo a cavallo tra le due guerre le vetture realizzate da Vincenzo Lancia seducono i clienti facoltosi, attratti dall’elevata tecnologia presente a bordo. I due esempi più noti sono la Lambda del 1922 (la prima di sempre dotata di scocca portante) e la Aprilia del 1937, una delle auto più aerodinamiche di quel periodo. Vincenzo muore il 15 febbraio 1937 a Torino, pochi giorni prima del lancio di quest’ultimo veicolo.